Home Banche Italiane Intesa SanPaolo, Prestiti, finanziamenti, mutuo green, casa

Intesa SanPaolo, Prestiti, finanziamenti, mutuo green, casa

158
Intesa sanpaolo banca
Smart Ai Advertisement
5
(12345)

Benvenuti nella nostra guida completa su Intesa Sanpaolo, una delle più grandi e affidabili istituzioni bancarie in Italia. In questa panoramica, esploreremo i vari aspetti che rendono questa banca una scelta privilegiata per molti italiani, dalle opzioni di prestito personale ai servizi di private banking.

Intesa Sanpaolo è una delle più grandi istituzioni finanziarie in Italia, con un impressionante numero di filiali che ammonta a 3.193. L’istituto offre una vasta gamma di prodotti finanziari, inclusi prestiti personali, mutui e soluzioni di investimento. Grazie alla sua presenza capillare sul territorio nazionale, Intesa Sanpaolo è in grado di servire una clientela eterogenea, dal singolo individuo alle grandi imprese.

Essendo un leader nel settore, Intesa Sanpaolo pone grande enfasi su innovazione e servizi digitali, fornendo ai suoi clienti diverse modalità di accesso ai servizi bancari, comprese soluzioni di mobile banking all’avanguardia. Questo rende la banca una scelta eccellente per coloro che cercano un mix di tradizione e modernità nel mondo della finanza.

🤖 Smart Ai Advertisement

Intesa Sanpaolo: Informazioni Chiave

Ragione Sociale: Intesa Sanpaolo SpA
Codice ABI: 03069
Codice Fiscale: 00799960158
Numero di Iscrizione all’Albo delle Banche: 5361 (dal 01/01/1998)
Direzione Generale: Piazza San Carlo 156, 10121 Torino TO
Filiali Bancarie: 2.893
Telefono Direzione Generale: 011 5551

Contatti e Assistenza

  • Informazioni Generali: 800 303 306
  • Home Banking: 800 303 303
  • Emergenza Carte e Numeri di Blocco: 800 444 223 (dall’estero +39 02 8710 9001)
  • Email PEC: info@pec.intesasanpaolo.com
  • Sito Istituzionale: www.intesasanpaolo.com
  • BIC/SWIFT: BCITITMM
  • Codice ABI: 03069
  • Numero di Filiali: 3.193
  • Servizio Clienti: 800 303 303
  • CEO: Carlo Messina
  • Fatturato: €21,47 miliardi (2022)

Il Significato del Nome Intesa SanPaolo: cosa vuol dire

Il nome “Intesa Sanpaolo” è il risultato della fusione tra due importanti istituzioni bancarie italiane: Banca Intesa e Sanpaolo IMI, avvenuta nel 2007. Ogni parte del nome porta con sé un significato storico e aziendale.

  • Intesa: Deriva da “Banca Intesa”, e la parola “intesa” in italiano generalmente si riferisce a un accordo o un’intenzione condivisa. In questo contesto, suggerisce l’obiettivo comune di fornire servizi finanziari eccellenti.
  • Sanpaolo: Viene da “Sanpaolo IMI”, dove “Sanpaolo” fa riferimento all’Istituto Bancario San Paolo di Torino. La parte “San Paolo” è spesso associata a solidità e affidabilità, qualità che sono state storicamente associate alla banca.

Mettendo insieme i due nomi, “Intesa Sanpaolo” simboleggia l’unione di due entità con un patrimonio di esperienza e affidabilità nel settore bancario italiano. La combinazione suggerisce anche un impegno comune verso l’innovazione e l’eccellenza nel servizio al cliente.

I prestiti e gli altri prodotti di credito

Se stai cercando soluzioni di finanziamento, Intesa Sanpaolo offre una varietà di prestiti personali, mutui e altre forme di credito. Uno dei prodotti più noti è il mutuo Intesa Sanpaolo, che offre condizioni flessibili e tassi competitivi. Inoltre, la banca propone prodotti innovativi come il Prestito Green, rivolto a chi desidera investire in soluzioni eco-sostenibili.

Banche Incorporate da Intesa Sanpaolo negli Anni Recenti

ntesa Sanpaolo è il principale gruppo bancario in Italia e ha sottolineato la sua posizione dominante attraverso una serie di acquisizioni strategiche. L’acquisizione più recente e di grande rilievo è stata quella di UBI Banca nel 2021, che ha ulteriormente consolidato la sua presenza nel panorama bancario italiano. Nel 2020, l’incorporazione di Banca Imi ha rafforzato l’area dell’investment banking del gruppo.

L’aggiunta del Banco di Napoli nel 2018 ha esteso l’influenza di Intesa Sanpaolo nel Sud Italia. Nel 2016, le Casse di Risparmio dell’Umbria sono entrate a far parte del gruppo, ampliando la rete di filiali in Umbria.

Banca Monte Parma è stata acquisita nel 2015, focalizzando l’attenzione sulla regione dell’Emilia-Romagna. Infine, l’acquisizione del Banco Emiliano Romagnolo nel 2012 ha segnato l’inizio di una serie di incorporazioni importanti per Intesa Sanpaolo. Queste acquisizioni hanno contribuito significativamente alla crescita e al posizionamento del gruppo nel mercato bancario italiano.

Anno Banche Incorporate
2012 Banco Emiliano Romagnolo
2014 Banca di Credito Sardo
2014 CR di Venezia
2015 Banca di Trento e Bolzano
2015 Banca Monte Parma
2015 CR della Provincia di Viterbo
2015 CR di Civitavecchia
2015 CR di Rieti
2016 Banca dell’Adriatico
2016 Casse di Risparmio dell’Umbria
2018 Banca Nuova
2018 C. Risp. del Friuli Venezia Giulia
2018 Cassa di Risparmio del Veneto
2018 Cassa dei Risparmi di Forlì e Romagna
2018 Banco di Napoli
2019 Cassa di Risparmio in Bologna
2019 Cassa di Risparmio di Firenze
2019 C. Risp. di Pistoia e della Lucchesia
2019 Banca Apulia
2019 Banca Prossima
2019 Mediocredito Italiano
2020 Banca Imi
2021 UBI Banca

Recenti acquisizioni bancarie di Intesa Sanpaolo

Intesa Sanpaolo è uno dei principali gruppi bancari in Italia e ha sottolineato la sua posizione dominante attraverso una serie di acquisizioni strategiche. L’acquisizione più recente e di grande rilievo è stata quella di UBI Banca nel 2021, che ha ulteriormente consolidato la sua presenza nel panorama bancario italiano.

Nel 2020, l’incorporazione di Banca Imi ha rafforzato l’area dell’investment banking del gruppo. L’aggiunta del Banco di Napoli nel 2018 ha esteso l’influenza di Intesa Sanpaolo nel Sud Italia. Nel 2016, le Casse di Risparmio dell’Umbria sono entrate a far parte del gruppo, ampliando la rete di filiali in Umbria. Banca Monte Parma è stata acquisita nel 2015, focalizzando l’attenzione sulla regione dell’Emilia-Romagna. Infine, l’acquisizione del Banco Emiliano Romagnolo nel 2012 ha segnato l’inizio di una serie di incorporazioni importanti per Intesa Sanpaolo. Queste acquisizioni hanno contribuito significativamente alla crescita e al posizionamento del gruppo nel mercato bancario italiano.

Intesa Sanpaolo, uno dei più grandi gruppi bancari in Italia, ha incorporato diverse banche nel corso degli anni per espandere la sua presenza e servizi. Alcune delle acquisizioni più notevoli sono:

  • UBI Banca (2021): Una delle acquisizioni più recenti e significative, che ha ulteriormente consolidato la posizione di Intesa Sanpaolo nel panorama bancario italiano.
  • Banca Imi (2020): Questa acquisizione ha rafforzato l’area dell’investment banking del gruppo.
  • Banco di Napoli (2018): Un’importante aggiunta che ha aumentato la presenza di Intesa Sanpaolo nel sud Italia.
  • Casse di Risparmio dell’Umbria (2016): Questa fusione ha esteso la rete di filiali del gruppo in Umbria.
  • Banca Monte Parma (2015): Una acquisizione focalizzata sulla regione dell’Emilia-Romagna.
  • Banco Emiliano Romagnolo (2012): Questa è stata una delle prime acquisizioni importanti che ha segnato l’inizio di una serie di incorporazioni per il gruppo.

Intesa Sanpaolo Private Banking

Intesa Sanpaolo Private Banking
ntesa Sanpaolo Private Banking nasce per colmare una lacuna nel mercato dei servizi finanziari, offrendo un livello di servizio che è sia esclusivo che altamente specializzato.

Il funzionamento di Intesa Sanpaolo Private Banking è centrato sul ruolo dei Private Bankers, professionisti altamente specializzati che sono assegnati ai clienti di specifiche filiali. A differenza dei tradizionali consulenti finanziari, i Private Bankers non si occupano di prospezione, ma piuttosto di gestire e sviluppare relazioni a lungo termine con la clientela esistente.

I servizi offerti sono molteplici e spaziano dalla gestione degli investimenti alla pianificazione della successione, dalla consulenza fiscale alla pianificazione della pensione. Grazie a un ampio portafoglio di prodotti e servizi, la divisione è in grado di soddisfare le esigenze più complesse e variegate della sua clientela.

In sintesi, Intesa Sanpaolo Private Banking nasce per colmare una lacuna nel mercato dei servizi finanziari, offrendo un livello di servizio che è sia esclusivo che altamente specializzato.

Polizza sul credito del prestito Intesa SanPaolo

Assicurazione prestito Intesa Sanpaolo
Copertura massima fino a 75.000 euroInte

La Polizza ProteggiPrestito di Intesa Sanpaolo è un’assicurazione facoltativa progettata per coprire i rischi associati al rimborso di un prestito in caso di eventi avversi come inabilità temporanea totale, invalidità permanente o decesso. Questa polizza offre una copertura massima fino a 75.000 euro e può essere estesa a prestiti con due intestatari.

Le garanzie offerte dalla polizza sono differenziate in base alla tua età e alla tua situazione lavorativa, che può essere quella di lavoratore dipendente privato, dipendente pubblico, lavoratore autonomo, pensionato o anche non lavoratore. In particolare, in caso di inabilità temporanea totale a svolgere il proprio lavoro, Intesa Sanpaolo Assicura S.p.A. prevede il pagamento delle rate mensili del finanziamento. Se invece l’invalidità permanente è uguale o superiore al 50%, la compagnia assicurativa rimborsa al cliente una somma pari al debito residuo del prestito.

Per sottoscrivere la polizza, è necessario compilare un questionario sanitario e delle professioni non assicurabili. Una volta completata la procedura, il costo della polizza viene finanziato nel piano di rimborso del prestito, rendendo la gestione del premio assicurativo più semplice e integrata con il finanziamento.

Intesa Sanpaolo Private Banking

Intesa Sanpaolo Private Banking

Per diventare un Private Banker presso Intesa Sanpaolo Private Banking, è necessario avere una laurea, preferibilmente triennale, in discipline economico-finanziarie. Alcuni dei corsi di laurea idonei includono Scienze dell’economia e della gestione aziendale (Classe L-18) e Scienze economiche (Classe L-33).

Lo stipendio medio per questa professione in Italia è di circa €77.994 all’anno, che è del 69% superiore allo stipendio medio di €46.000 offerto da Intesa Sanpaolo per questo ruolo.

Come contattare il servizio clienti?

Se hai domande o richiedi chiarimenti su un prodotto, puoi contattare la Filiale Digitale al numero verde 800.303.303. Il servizio è attivo dal lunedì al giovedì dalle 7:00 alle 24:00, il venerdì dalle 07:00 alle 22:00, e il sabato e la domenica dalle 9:00 alle 19:00.

Come Denunciare un Sinistro o un Incidente con Intesa Sanpaolo Assicura

Dopo un incidente stradale, la priorità è mettere in sicurezza te stesso e tutte le persone coinvolte. Una volta garantita la sicurezza, la raccolta accurata delle informazioni è cruciale. Compilare il modulo blu, noto come Constatazione Amichevole di Incidente, è il modo più efficace per raccogliere tutti i dati necessari, come targa, modello del veicolo e informazioni anagrafiche della controparte. Se possibile, fotografare la scena e raccogliere le informazioni dei testimoni può essere molto utile per le fasi successive.

Per quanto riguarda i tempi per la denuncia, il periodo varia in base alla tipologia di danno. Hai 30 giorni per danni solo ai veicoli se c’è un accordo tra le parti. Il termine sale a 60 giorni per danni circoscritti ai veicoli e a 90 giorni se sono coinvolti danni a persone.

Intesa Sanpaolo Assicura, modalità per inviare la denuncia di un sinistro:

  • L’App Intesa Sanpaolo Assicurazioni rappresenta la via più rapida se sei già cliente della banca.
  • Il Servizio Clienti è raggiungibile al numero 800.124.124, attivo in orari specifici. Per chiamate dall’estero, il numero è +39.02.30.32.80.13.
  • L’indirizzo email per la denuncia è sinistri@pec.intesasanpaoloassicura.com.
  • È anche possibile inviare un fax al numero 02.30328018.
  • Per la posta tradizionale, l’indirizzo è Intesa Sanpaolo Assicura S.p.A., Ufficio Sinistri Auto, Viale Stelvio 55, 20159 Milano.
  • Infine, ogni filiale di Intesa Sanpaolo è attrezzata per accogliere la tua denuncia.

FAQs Intesa Sanpaolo: domande e risposte frequenti

FAQs Intesa Sanpaolo

Come accedere all’area clienti?

Per gestire il proprio conto, effettuare operazioni o consultare il saldo, è possibile accedere all’area clienti Intesa Sanpaolo attraverso il login sul sito ufficiale o tramite l’app mobile Intesa Sanpaolo Mobile.

Come fare richiesta di prestito con Intesa Sanpaolo

Per richiedere un prestito, è possibile fare una domanda online o recarsi in una delle filiali Intesa Sanpaolo. I requisiti e i documenti necessari per richiedere un prestito variano a seconda del tipo di finanziamento desiderato.

Quanto tempo ci vuole per avere un prestito?

I tempi di erogazione dei prestiti Intesa Sanpaolo variano a seconda del prodotto e della complessità della domanda, ma generalmente l’approvazione avviene in tempi brevi.

Quanto tempo deve passare tra un prestito e l’altro?

Non esiste una regola fissa, ma generalmente è consigliabile valutare attentamente la propria situazione finanziaria prima di richiedere un nuovo prestito.

Offerta prestiti, cessioni e consolidamento debiti

Intesa Sanpaolo offre anche soluzioni per il consolidamento debiti, permettendo di unificare più prestiti in un’unica rata mensile più gestibile.

Quanto è stato utile questo post?

Clicca su una stella per valutarla!

Voto medio 5 / 5. Conteggio dei voti: 12345

Nessun voto finora! Sii il primo a valutare questo post.

🚗 AdvertisementBanner 250x250

Articolo precedenteAssicurazione prestito Intesa Sanpaolo: Polizza ProteggiPrestito
Articolo successivoFAQs Intesa Sanpaolo: domande e risposte frequenti
Puoi seguire Prestiti.Online anche su Google News, cliccando sulla stellina  da app e mobile o alla voce “Segui“. Le notifiche in tempo reale con i nostri aggiornamenti e le ultime notizie, sono inoltre disponibili unendoti al nostro canale Telegram.